Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

Come raccontare un campo sul tema dell’enciclica Laudato sì?
Al posto di tante parole ecco un assaggio di quello che abbiamo visto e contemplato.
Tale é stata la cornice e il contenitore che meglio non si spiega il contenuto.

Prosegue il cammino annuale del gruppo diocesano degli adulti, il prossimo incontro si svolgerà a Cascia, toccheremo quindi il vicariato dell'Altipiano.

E' un occasione importante per incontrarsi, discutere, pregare e condividere del tempo insieme con adulti di varie parrocchie della diocesi. Nel confronto cresce l'amicizia, ma si condivide e si "racconta" anche la fede, vi sembra poco? Se è vero che nella vita non si smette mai di imparare, e quindi di formarsi, a volte è importante ricordarsi che nell'imparare, e quindi nella formazione permanente, non si smette mai di vivere!

Il gruppo diocesano degli adulti ha lo scopo di diffondere in diocesi la modalità del gruppo come strumento di crescita anche per gli adulti, ovviamente, come del resto tutte le iniziative dell'AC, è aperto a tutti coloro che vogliono partecipare e allora? Non resta che partecipare, ci vediamo a Cascia!

Tiziano Broccoli - Vicepresidente Adulti AC Fiesole

Piove intensamente sui monti della Carnia. Passo del Ciampigotto per la precisione. Cinque chilometri di ascesa e sei di discesa. Tornanti aspri come le montagne che li circondano e li assorbono rivendicando a sé un’identità antica, quasi a tenere a debita distanza ogni eccesso di ingerenza.
Da queste parti sono passati due Papi, se ne colgono spartane tracce disseminate lungo i sentieri e nei pochi centri abitati. E non si fatica ad immaginarne il motivo. Qui tutto è silenzio e assenza; lavoro e faticosa cura giornaliera nei pascoli e nei boschi. La macchina fatica a trattenere quella discesa ripida che riporta tutto a valle. Un altro tornante: Albergo Pra di Bosco dice il cartello. Un grande edificio appoggiato sulla roccia, sovrastato da imponenti vette, che guarda a valle senza troppa eleganza, con la durezza e la determinazione della gente Friulana. Dietro le spalle l’Austria e il Veneto, davanti le terre di Venezia.