Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

a nostra prima esperienza ad un campo adulti dell’AC con tutta la famiglia è risultata veramente una piacevole sorpresa.
Abbiamo deciso di aderire al campo un po’ all’ultimo tuffo su consiglio di un nostro amico, senza farci tante domande, fiduciosi delle nostre pregresse esperienze con AC, come il figlio che era appena tornato dal campo dei ragazzi.
Abbiamo iniziato la settimana leggermente perplessi del programma fitto proposto dagli organizzatori per poi scoprire invece che l’equilibrio fra attività ricreative e meditazioni era davvero ben bilanciato. Riuscire in una settimana a passare del tempo di qualità coi propri figli, del tempo a riflettere su temi sociali contingenti, del tempo ad ammirare le bellezze naturali ed i paesaggi montani e parimenti trovare anche il tempo di dire una preghiera insieme, non ci sembra “roba” da poco di questi tempi in cui nessuno chiede più la tua opinione o il tuo apporto.
Quello che poi ci ha lasciato forse più stupiti è stata la naturalezza con cui si è sviluppato il campo, creando relazioni, momenti di ascolto e condivisione reciproci. Non è una frase fatta, ma sembrava davvero di essere in una grande famiglia, in cui c’erano i bambini, i genitori, gli zii ed i nonni. Essendoci infatti partecipanti con età diverse, si è potuto attivare anche uno scambio intergenerazionale, potendo cogliere i lati positivi di esperienze e punti di vista differenti. L’atmosfera è sempre stata piacevole, coinvolgente e rigenerativa, non solo per noi adulti, ma anche per i nostri figli.
A distanza di un mese dal ritorno del campo, restano in mente tanti pensieri, considerazioni, riflessioni, ma soprattutto volti, persone che hanno saputo, ciascuno a suo modo, innescare processi e generare cambiamenti. 
Un grazie quindi a tutti gli organizzatori e partecipanti ed un invito ideale a chiunque ci legga, perché è una di quelle esperienze che vale la pena di fare!
Massimo & Francesca D’Arrigo
 
Sappiamo bene quanto sia importante per il cammino di fede di ciascun battezzato l’ascolto della Parola di Dio e come nel tempo di Quaresima sia suggerito proprio per aiutarci ad accogliere il grande annuncio della Pasqua. 
Gli Esercizi spirituali proposti dal Settore Adulti dell’Azione Cattolica sono certamente un breve, ma intenso percorso di preghiera e di approfondimento del racconto della salvezza.

Dal 16 al 18 marzo si è svolto il secondo turno di Esercizi Spirituali promosso dal settore adulti di Azione Cattolica della diocesi di Fiesole. Siamo stati ospiti delle Suore Pie Discepole all’Oasi del Divin Maestro nei pressi dell’eremo di Camaldoli, con relatore Don Giulio Cirignano.
Non è mai semplice fare sintesi di giorni così intensi e in un certo senso anche intimi, durante i quali troviamo del tempo per fermarsi insieme al Signore. Don Giulio ci ha aiutato ad entrare nel mistero Pasquale attraverso alcuni brani delle Sacre Scritture consegnandoci tre parole che hanno accompagnato i vari momenti: CONVERSIONE, CAMBIAMENTO ed EMOZIONE. Ognuno di questi termini è legato agli altri ed è importante nella vita del cristiano.