Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

“Mi raccomando, riempite le borracce, mettetevi scarpe comode, alle 17:30 si parte!” 

Quante volte lo avremo ripetuto o sentito dire negli anni? Certamente prima di ogni momento clou di un campo di Azione Cattolica, la passeggiata!
Cosa c’è di diverso quest’anno nel sentire queste parole? Che quest’anno non ci sono i campi di Azione Cattolica. 
L’emergenza sanitaria ha spinto tutti noi a cambiare molte abitudini, ma non ci toglierà mai la voglia di stare insieme e condividere un percorso con i nostri ragazzi. L’AC ha pensato, proprio con l’intento di recepire questo desiderio, ad una serie di iniziative con lo slogan “REstate ACcanto”, e così domenica 26 luglio i Giovanissimi di AC si sono ritrovati a San Francesco pronti a partire per la “classica” passeggiata.
“Dove due o tre…” diceva “Qualcuno”, noi eravamo una decina di ragazzi, mascherina in volto e gambe in spalla fino alla meta, destinazione: Castello di Nipozzano.
Abbiamo trascorso una piacevolissima giornata, in compagnia del sole e un magnifico panorama, fino a goderci il tramonto una volta arrivati a destinazione.
Non ci è mancata l’occasione per riflettere insieme sul tema della “Speranza”, che come una stella, apparentemente lontana e irraggiungibile, se però decidiamo di seguirla, con la sua luce guiderà la nostra vita lontana da chi ci vuole ripiegati su noi stessi e sulle nostre paure, forti di un fuoco che ci arde dentro ma che non ci consuma.
La giornata non poteva che concludersi con un bel gelato e un altro appuntamento per rivedersi: Domenica 2 agosto ci sarà infatti l’occasione nuovamente di una escursione verso Cascina Vecchia e Massa Nera aperta a tutti i Giovanissimi e Giovani della Diocesi a cui non poter mancare.
E mi raccomando, “REstate ACcanto”!
Andrea Ermini, Equipe diocesana
2020 07 26 Nipozzano 002
2020 07 26 Nipozzano 003
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
2020 07 26 Nipozzano 004
I GIOVANI di AC ti propongono:
 #AChallenge continua a leggere per saperne di più.

"Perseverare sulla strada dei sogni". Questo il titolo del campo giovani, svoltosi dal 4 all'11 agosto a Pieve di Bono. Durante la preparazione ci siamo lasciati guidare da alcuni passi della Christus vivit (137-149). Siamo partiti dall'osservazione della realtà che ci circonda, delle dinamiche in cui come giovani, e come giovani di Ac, siamo immersi e ci siamo chiesti: "Di cosa abbiamo bisogno? Di cosa hanno bisogno oggi i nostri coetanei?". Abbiamo bisogno di speranza! In un tempo di crisi, in un'epoca in cui ognuno cammina ripiegato sul proprio ombelico, abbiamo bisogno di un orizzonte alto; sentiamo l'esigenza di sollevare lo sguardo. Le parole di papa Francesco ci hanno aiutato a strutturare un percorso che, partendo dalla crisi, dalle paure che paralizzano, ha sottolineato proprio come in questo tempo di crisi siamo chiamati a essere generativi. Siamo chiamati a vivere il presente con slancio, con una prospettiva capace di guardare verso l'alto e verso l'altro; di guardare  verso un tu: è nell'incontro con Dio e con il prossimo che noi esistiamo; è dalla relazione che dobbiamo ripartire.