Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

Una vita piena, vera, felice: è questo ciò che ogni uomo desidera nel profondo, ma come si raggiunge?
Non importa cercare lontano, andare altrove, basta vivere in tre dimensioni fondamentali: in altezza, ricercando una relazione costante con Dio, che ci aiuterà a scoprire giorno per giorno la nostra vocazione, il nostro posto nel Suo grande disegno di Amore; in profondità, dentro la nostra storia personale e la Storia del mondo, perché è qui che Dio ci parla, non in un nostalgico passato né in un futuro futuribile, ma qui e ora; infine in larghezza, per raggiungere l’altro, perché ogni persona è inevitabilmente in relazione e la nostra piena realizzazione non è contro gli altri, sopra gli altri o senza gli altri, come purtroppo siamo spesso portati a pensare.

Si è tenuto dall'8 al 15 agosto a Gavinana (provincia di Pistoia) il campo giovanissimi dell'Azione Cattolica di Fiesole. Il titolo del campo era "di fango e di cielo", che riprende un verso di Jovanotti. Ai ragazzi è stata proposta una riflessione volta alla scoperta di come siamo fatti, nella nostra molteplice e complessa natura: siamo carne e spirito, sentimenti e pensiero, insomma, fango e cielo. Tutte le nostre dimensioni, da quella più terrena a quella più celeste sono in costante tensione fra di loro ed è bello e utile imparare a nominarle, a conoscerle e quindi a viverle.

È stato tutt’altro che banale, per noi ragazzi dell’equipe diocesana Giovanissimi, organizzare la tre-giorni di esercizi spirituali tenutasi nel fine settimana 8-10 Aprile presso san Martino Altoreggi, la quale ha visto protagonisti circa una ventina di adolescenti provenienti da tutta la Diocesi.
Già, perché proporre a ragazzi di quella età un momento di raccoglimento e di preghiera equivale quasi certamente ad andare controcorrente, ma proprio per questo ci siamo sforzati di rendere questa iniziativa più “accattivante”. Il titolo stesso che abbiamo utilizzato per questa uscita, “Tu sei bellezza”, voleva già essere un invito per i ragazzi: venite, cerchiamo di scoprire insieme qual è la vera bellezza dentro ognuno di noi! Non lasciamoci fiaccare dal confronto con modelli di bellezza stereotipati, falsi, a cui sentiamo di dover aderire a tutti i costi ma che spesso non sono affatto “su misura” per noi, adatti per venire incontro ai nostri bisogni più profondi. Non è forse vero che talvolta sembriamo come dimenticarci di questa nostra bellezza, e viviamo le nostre giornate al ribasso, agendo solo in base a ciò che ci rimane più facile, ma rimanendo proprio per questo con una sensazione di delusione e di insoddisfazione? Quale può essere la chiave per assaporare più in profondità i momenti della nostra vita?