Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

2018 07 CampoGiovanissimi 002
"Ho tutto un mondo di speranze e di sogni; sono illusioni solo se non ci credi!" Un estratto significativo dalla canzone "Un'onda perfetta" dei The Sun che ha accompagnato la settimana del campo giovanissimi della diocesi di Fiesole. Quest'anno abbiamo deciso di affrontare un tema che si avvicinasse al sinodo dei vescovi del prossimo ottobre: "I GIOVANI, LA FEDE  E IL DISCERNIMENTO VOCAZIONALE". Siamo quindi ripartiti dalle aspirazioni dei ragazzi, dai loro sogni, vissuti personalmente e come sogni di Dio. È stato bello il passaggio finale dal personale al comunitario; vedere come insieme, unendo i singoli sogni di ciascuno, si possa costruire qualcosa di bello per tutti. La bellezza delle Alpi, la fatica delle camminate, gli incontri belli e sinceri, il confronto "tra generazioni" ha aiutato a creare un clima di famiglia bello, per i ragazzi e per noi educatori.

Sono già due anni che per motivi diversi non partecipo ad un campo estivo dell’AC, ma non per questo mi sento lontano dall’associazione e come negli ultimi anni ho partecipato comunque alla preparazione dei campi e ai momenti formativi e organizzativi che li hanno preceduti.
Adesso, al termine dell’estate mi sono chiesto come ho vissuto questo periodo e come l’appartenenza all’AC abbia influito nel mio vissuto quotidiano e nella mia fede.
Partirei quindi dal tema scelto per i campi adulti, “Adulti cercasi - essere generativi oggi”, per ricollocarmi all’interno di questo cammino.

2018 SettCom 001Rosano, 9-15 aprile 2018
Ecco, com’è bello e com’è dolce
Che i fratelli vivano insieme! (Sal. 133, 1)
 Gustate e vedete com’è buono il Signore. (Sal. 34, 9)
 
Sarà un caso che i versetti di questi due Salmi facciano riferimento alle stesse sfere sensoriali? Il gusto e la dolcezza, e la vista e la bellezza. Si direbbe che il vivere insieme sia di per sé un’esperienza di vita nel Signore. In fondo, il volto dei fratelli non è realmente un riflesso del volto del Figlio? e abitare con loro non è un po’ abitare in Lui?