Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

 
 
A tutti gli Aderenti e simpatizzanti
 
 
 
Carissima/o socia/o, 
quest’anno, con grande gioia siamo riusciti a proporre di nuovo l’esperienza dei Campiscuola estivi, che per l’Azione Cattolica rappresentano una delle tappe più importanti e significative della sua proposta formativa.
Dopo un lungo periodo “a distanza”, per la situazione sanitaria, in cui abbiamo sperimentato quanto siano importanti e preziose le relazioni tra di noi e in cui abbiamo cercato in ogni modo di tenerci in contatto, ci siamo operati per ritessere in presenza i nostri legami. Stiamo preparando con entusiasmo i Campiscuola per ogni fascia di età, come nostro solito e come hai potuto leggere nei volantini che abbiamo diffuso in tutte le parrocchie della Diocesi. 
Purtroppo, la pandemia oltre ad averci tenuti a distanza ha inciso fortemente anche sull’ economia delle famiglie: molti adulti e giovani hanno perso il lavoro, o sono in Cassa integrazione, o ancora peggio alcuni nuclei familiari hanno subito dolorose perdite affettive che hanno portato via con sé anche la fonte principale di sostentamento. 
Di conseguenza abbiamo ricevuto molte segnalazioni di famiglie con disagi e che non possono permettersi di pagare la quota per partecipare ai Campiscuola. 
Nello stile che ci caratterizza e come abbiamo fatto sempre anche in passato, l’Associazione si accollerà le quote che non possono essere pagate ricorrendo alle risorse disponibili: partecipazione a Bandi regionali, contributo della Diocesi, contributi volontari…
Come puoi capir bene, non possiamo, però, come aderenti, non farci interpellare da queste situazioni, ma crediamo che sia importante farcene carico in prima persona come soci di un’Associazione che mette al centro la condivisione e la fraternità indicateci dal Signore come unica via possibile per una umanità piena.
Da qui l’idea di fare una libera raccolta di offerte tra noi soci e simpatizzanti per consentire di pagare la quota di partecipazione ai campi a chi non può permetterselo. Abbiamo chiamato questa raccolta: “ADOTTA UNA QUOTA” proprio per sottolineare il fatto che ci prendiamo cura di un altro diverso da noi stessi! 
Proprio nella logica evangelica secondo cui chi ha offra e chi non ha prenda, chiediamo anche a te, se vuoi e se puoi di donare un’offerta per contribuire ad una parte di quota. Puoi farlo facendo un bonifico a:
AZIONE CATTOLICA ITALIANA, Diocesi di Fiesole
IBAN: IT16Z0881171540000000606926 - Causale: Adotta una quota
Ringraziandoti per l’attenzione, per ciò che potrai fare e nella speranza di poterti incontrare in questa Estate, ti mandiamo un caro saluto
A presto
Il Consiglio Diocesano
 
È stato un fine settimana associativo molto intenso, quello degli scorsi 13 e 14 marzo, con lo svolgimento del Consiglio regionale elettivo nel pomeriggio del sabato e il Progetto Cittadinanza nel tardo pomeriggio della domenica.
Il Consiglio Regionale di Azione Cattolica – Delegazione Toscana, che si è svolto sabato 13 nel pomeriggio, prevedeva il rinnovo degli incarichi regionali, rinviato lo scorso anno a causa dell’emergenza sanitaria e ha visto la presenza di oltre 120 delegati di tutte e 17 le associazioni diocesane della Toscana.
L’incontro si è tenuto online, anche se alcune diocesi sono riuscite a partecipare collegandosi insieme dallo stesso luogo, chiaramente nel rispetto delle norme sanitarie. Il Consiglio si è aperto con la preghiera guidata dall’assistente regionale Mons. Gabriele Bandini (che ha poi salutato l’associazione in virtù della scadenza del suo incarico) e con il saluto del Vescovo di Pistoia S.E. Mons. Fausto Tardelli, che ha rivolto all’associazione parole di stima e incoraggiamento. 
Si è passati poi alla relazione di fine mandato del Delegato Regionale uscente, Giovanni Pieroni, che ha sottolineato in particolar modo le difficoltà di questo ultimo periodo ma anche la gratitudine per il percorso fatto e la dimensione “famigliare” dell’esperienza associativa. A seguire poi le relazioni di tutti gli incaricati regionali. Dopo la fase di presentazione delle candidature e di voto (sempre su piattaforma digitale), il Delegato Regionale eletto, Stefano Manetti, già Presidente Diocesano dell’Azione Cattolica di Fiesole,2021 03 StefanoManetti ha ringraziato della fiducia e tracciato alcune linee del cammino associativo a livello regionale per il prossimo triennio, in particolare come oggi sia davvero necessario lavorare maggiormente in sinergia, specialmente tra diocesi vicine.

2021 03 GiudittaTorriniA seguire si è votato per la composizione della Delegazione Regionale, nella quale si sottolinea un’altra presenza per quanto riguarda la nostra diocesi: Giuditta Torrini, già Vicepresidente del settore giovani dell’Azione Cattolica di Fiesole, sarà la prossima Incaricata Regionale per il settore giovani.

2021 03 Paola Fratini

Infine, si è votato anche per confermare due candidature al Consiglio Nazionale, entrambe provenienti dalla nostra diocesi: si tratta di Paola Fratini, già Presidente Diocesano di AC, candidata per il settore adulti e di Giuditta Torrini, candidata per il settore giovani.
 
 
 
Il pomeriggio del giorno successivo, domenica 14, si è svolto il Progetto Cittadinanza, giunto alla sua 18esima edizione. Il titolo dell’edizione del colloquio pubblico di quest’anno era “Dalla «Laudato Si’» alla «Fratelli Tutti» – Pensare e costruire un’altra umanità”.La presenza di così tante disponibilità a mettersi al servizio dell’associazione nei suoi livelli extra-diocesani, da una parte ci riempie di gratitudine e riconoscenza e dall’altra ci chiama ad una responsabilità ancora maggiore nel promuovere sempre più l’AC nella nostra diocesi, come luogo di crescita nel servizio e palestra di formazione laicale permanente. Affidiamo con fiducia il cammino di tutti loro al Signore.
L’incontro, svolto online e trasmesso in diretta sul canale YouTube della Delegazione Regionale di AC, è stato moderato da Riccardo Saccenti, docente universitario e Delegato regionale del MEIC e ha visto l’intervento della dottoressa Elena Granata, del Politecnico di Milano. Davvero appassionate e ricche di spunti le sue parole, nell’analisi del pensiero di Papa Francesco, espresso nelle sue due encicliche “sorelle”, riprese nel titolo dell’incontro.
A seguire una tavola rotonda con alcuni dei partecipanti all’evento “Economy of Francesco”, svoltosi (online) a novembre 2020 e che si terrà in presenza nell’autunno 2021. Luca Pighini, Letizia Forzoni e Georges Theodore Dougnon (quest’ultimo insegnante del Mali) hanno raccontato la loro esperienza e la strada che li ha condotti a quell’incontro. Un intreccio tra varie realtà associative (Azione Cattolica, Movimento dei Focolari e Rondine – Cittadella della Pace) davvero interessante, nella comune volontà di immaginare una diversa economia e realizzarla concretamente.
Come introduzione e conclusione dei lavori i saluti dei Delegati Regionali di AC, quello uscente (Giovanni Pieroni) e quello entrante (Stefano Manetti) rispettivamente, come a voler sottolineare la “continuità”, pur nelle differenze, che l’associazione garantisce nel tempo, tramite la risposta generosa di chi “dona con gioia”, a beneficio del cammino di tanti.
 

 

L'Azione Cattolica di Fiesole, insieme a Caritas, Progetto Policoro, Pastorale Giovanile/Oratori, Pastorale Sociale del Lavoro e Comunità di Nuovi Orizzonti, nell'ambito dell'edizione 2021 del Concorso IDEE in Movimento, ha presentato un progetto per la formazione al mondo del lavoro rivolto ai giovani dal titolo @LavORO.

Il Progetto punta ad avviare per i giovani del territorio della Diocesi di Fiesole percorsi di formazione e di orientamento sul tema del lavoro. Ogni partner di progetto ravvisa urgente e quanto mai necessario proporre iniziative collegiali e sinergiche in sostegno delle molteplici e complesse fragilità individuate in diocesi. Durante questo ultimo anno infatti la pandemia ha fatto emergere e al contempo nascosto acor più drammaticamente disuguaglianze e povertà: famiglie intere si sono ritrovate improvvisamente a dover convivere per giorni e giorni senza un lavoro, senza un introito economico per sostenersi; molti giovani si sono sentiti soli, isolati e distanti dai luoghi della formazione e dell'educazione vedendosi costretti ad incontrarsi virtualmente nei cosiddetti percorsi di apprendimento DAD.

Continua a leggere il contenuto del progetto presentato sul sito dedicato. Per sostenere il progetto basta il tuo voto. Vota e fai votare il progetto @LavORO