Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

L'appuntamento con l'assemblea elettiva che ogni tre anni l’Azione Cattolica convoca a tutti i livelli della vita associativa, è certamente un esercizio di autentica democrazia. Ogni associazione parrocchiale o interparrocchiale indica i propri delegati per eleggere il consiglio diocesano che per un triennio guiderà l'associazione. 
Ma non è solo per eleggere un consiglio che i delegati salgono a Fiesole. Si tratta infatti di una tappa significativa di quel discernimento comunitario a cui spesso Papa Francesco richiama tutta la Chiesa. 
Così domenica 22 gennaio i circa 120 delegati (su 145 convocati), sono saliti a Fiesole. Salendo verso il colle lunato e guardando il panorama sulla città, in una giornata di sole, sembrava di ripercorrere tanti momenti e luoghi in cui i laici credenti e impegnati si sono riuniti per confrontarsi, discernere la volontà di Dio, scrivere pagine importanti della storia italiana ed europea. Eppure non sono fantasie o ricordi sbiaditi, ma pagine vere di una bella storia che dura da 150 anni, una storia associativa che si intreccia, inutile negarlo, con quella del Paese e della Chiesa e che si rinnova ancora oggi proprio nelle varie assemblee diocesane e poi in quella nazionale.

2017 AssembleaSoci

PROGRAMMA

“Vorrei prescindere dall’aspetto politico per esaminare tecnicamente, senza inutili crudeltà tecniche, la riforma costituzionale, per avere un po’ più di informazione su quelli che siano veramente i suoi contenuti: quali sono i suoi potenziali vantaggi, gli obiettivi che il governo e poi il parlamento intendeva raggiungere e gli eventuali elementi deboli che possono essere individuati in questa riforma.”

Nessun evento trovato
L'appuntamento con l'assemblea elettiva che ogni tre anni l’Azione Cattolica convoca a tutti i livelli della vita associativa, è certamente un esercizio di autentica democrazia. Ogni associazione parrocchiale o interparrocchiale indica i propri delegati per eleggere il consiglio diocesano che per un triennio guiderà l'associazione. 
Ma non è solo per eleggere un consiglio che i delegati salgono a Fiesole. Si tratta infatti di una tappa significativa di quel discernimento comunitario a cui spesso Papa Francesco richiama tutta la Chiesa. 
Così domenica 22 gennaio i circa 120 delegati (su 145 convocati), sono saliti a Fiesole. Salendo verso il colle lunato e guardando il panorama sulla città, in una giornata di sole, sembrava di ripercorrere tanti momenti e luoghi in cui i laici credenti e impegnati si sono riuniti per confrontarsi, discernere la volontà di Dio, scrivere pagine importanti della storia italiana ed europea. Eppure non sono fantasie o ricordi sbiaditi, ma pagine vere di una bella storia che dura da 150 anni, una storia associativa che si intreccia, inutile negarlo, con quella del Paese e della Chiesa e che si rinnova ancora oggi proprio nelle varie assemblee diocesane e poi in quella nazionale.

2017 AssembleaSoci

PROGRAMMA

“Vorrei prescindere dall’aspetto politico per esaminare tecnicamente, senza inutili crudeltà tecniche, la riforma costituzionale, per avere un po’ più di informazione su quelli che siano veramente i suoi contenuti: quali sono i suoi potenziali vantaggi, gli obiettivi che il governo e poi il parlamento intendeva raggiungere e gli eventuali elementi deboli che possono essere individuati in questa riforma.”

Nessun evento trovato