Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

2022-acr-regionale-2.jpeg
andate-dunque.png

ELEMEMTARI - SAN MARTINO

Questa è stata la mia prima volta come capogruppo. Quando ho scelto di farlo ero già entrata in uno stato di ansia notevole, hai la responsabilità di fare il meglio per quei bambini che le diverse famiglie ti hanno affidato, e avevo molta paura per questo; arrivata lì, dopo un po' di smarrimento iniziale è stato tutto molto facile, perché i bambini hanno una capacità incredibile di farti sentire accolta in mezzo a loro, anche se ti hanno conosciuto da poche ore, e da lì tutto è andato come doveva andare… giochi a non finire, lavoretti di natale e attività di gruppo. Abbiamo lavorato su due parole in particolare: l’ascolto e la meraviglia, leggendo e commentando un brano tratto dal vangelo di Luca, in linea con il tema associativo nazionale di questo anno. Se ripenso alla prima parola mi fa sorridere ricordare come fosse impegnativo farsi ascoltare, quando dicevi di andare a letto, e puntualmente non succedeva, e allora dovevi insistere un po'… ma alla fine questo è stato proprio il bello.  Non sono mancati formativi e di preghiera, grazie anche a Don Francesco Rizzi che ci ha accompagnati in questa esperienza straordinaria. Infine, vorrei ringraziare tutti i miei compagni che mi hanno fatto vivere a pieno lo spirito dei mini ritiri.

Chiara Fabiani

 

Quest’anno ho partecipato per la prima volta come educatore ai mini ritiri di Avvento dei bambini delle elementari. Il tema associativo di quest’anno è la sartoria, “Su misura per te”,  che ci ha accompagnati in questi due giorni. Durante i momenti di gruppo abbiamo riflettuto su una parte del vangelo di Luca, quando Gesù tornò nella sinagoga a Nazareth dopo essere stato nel deserto ed in particolare sul significato che ci vuol trasmettere: è possibile incontrare Gesù anche in ambienti o situazioni di quotidianità, non solo in momenti particolari, ma nella vita di tutti i giorni e questo messaggio lo abbiamo voluto trasmettere ai nostri bambini.

Oltre alle attività di gruppo non potevano assolutamente mancare i giochi su misura di bambino, i gruppi si sfidavano tra di loro creando così un momento di svago e di felicità.

Io personalmente sono rimasto molto soddisfatto di come sono andati questi mini ritiri: serve dell’impegno, ma ne vale sicuramente la pena, soprattutto quando i bambini provano la stessa gioia che ho provato io quando mi trovavo al loro posto.

Filippo Ferroni

 

MEDIE - TORSOLI ALTO

Nei giorni 27 e 28 novembre si sono svolti i mini-ritiri di avvento con i ragazzi dell’ACR.  Le tante iscrizioni e le limitazioni legate alla pandemia ci hanno costretti ad organizzare tre mini ritiri anziché due e per questo i ragazzi delle medie sono stati divisi tra Torsoli Alto e Torsoli Basso, mentre quelli delle elementari sono potuti stare tutti uniti a S. Martino, viste anche le maggiori dimensioni della struttura. Seppur con alcune differenze nelle attività tra medie ed elementari, tutti i mini ritiri hanno avuto come filo conduttore il brano del vangelo di Gesù di ritorno a Nazaret dopo aver ricevuto attraverso il battesimo lo Spirito Santo. Da questo abbiamo poi scelto di affrontare con i ragazzi il tema dell’ascolto, per l’attività del sabato e della meraviglia, per la domenica. Nonostante la complessità del testo i ragazzi sono stati davvero bravi a coglierne gli insegnamenti e a fare collegamenti con la loro esperienza di vita quotidiana. Per dare sfogo al loro estro creativo i ragazzi hanno realizzato un piccolo lavoretto da portare a casa: un albero di natale fatto con strisce di cartoncino da loro accuratamente tagliate e poi decorato a loro piacimento. Ci  che ne è venuto fuori è stato sicuramente migliore di quello di noi capogruppo, un po’ arrugginiti in materia… 

Non potevano mancare i canonici giochi serali del sabato, nei quali i ragazzi hanno dato prova delle loro abilità fisiche e delle loro conoscenze in cultura generale, come non potevano neanche mancare i momenti di preghiera e di raccordo, sempre efficaci a mettere e punto nuove consapevolezze e in questo, domenica mattina, ci è venuto in soccorso Don Domenico.

Emma Fabbrucci

 

MEDIE – TORSOLI BASSO

Il percorso di questo nuovo anno dell’ACR è iniziato con i mini ritiri di avvento sia per le elementari che per le medie, divisi in tre diversi luoghi. Io ho avuto l’occasione di fare l’educatore al ritiro delle medie a Torsoli basso.

Il tema dell’ACR di questo anno è “Su misura per te” e proprio attorno a questo tema abbiamo vissuto il mini ritiro; ogni gruppo, infatti, rappresentava un diverso stile di vestirsi: rock, sportivo, nerd. Divisi in gruppi abbiamo presentato ai ragazzi il brano del vangelo che ci ha accompagnato per tutto il tempo, proponendo delle riflessioni sul brano e sulla figura di Gesù nel quotidiano. La riflessione non è mai un momento semplice per i ragazzi poiché non è per niente facile aprirsi e parlare di sé agli altri, ma i pensieri e le varie idee che sono venute fuori, discutendo con i loro, sono state davvero costruttive e profonde e mi hanno stupito in positivo. In un’altra attività, sempre partendo dal brano del Vangelo di riferimento, ci siamo soffermati sul tema della meraviglia, può sembrare qualcosa di banale, ma oggi, se ci pensiamo bene, è difficile stupirsi davvero per qualcosa. Abbiamo proposto delle immagini ai ragazzi chiedendo loro quali sensazioni provassero nel vederle e quali ricordi tornassero alla mente, la meraviglia che alcune immagini suscitavano in loro era qualcosa di unico, riuscivano a cogliere certe piccolezze e certi particolari che agli occhi di noi educatori sfuggivano, una capacità nello stupirsi che, sfortunatamente, perdiamo con il crescere e che, a mio parere, è molto importante mantenere e ritornare, per certi aspetti, ad essere come i bambini. L’educatore ha il compito, non solo di “controllare” i ragazzi, ma di educarli e farli crescere; molto spesso però, paradossalmente, siamo noi educatori ad imparare molto dai nostri ragazzi.

Questo per me è stato il primo mini ritiro da educatore e devo ammettere che è stato davvero divertente, ma anche intenso e impegnativo; è andato tutto molto bene e rendere i ragazzi felici e divertiti, facendoli giocare, ma anche ragionare e pregare, è stato soddisfacente e ciò che questo provoca è un sentimento difficile da descrivere che però porta tanta gioia al cuore.

Andrea Banchetti

 

Prossimi appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
22
2019_05_29_Adultissimi_002.jpg