Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

La bella pieve di S.Agata ad Arfoli, sulle colline di Reggello, ha ospitato domenica 7 novembre, l’incontro sia per gli adulti che hanno partecipato ai campi estivi, organizzati dall’Azione Cattolica diocesana, nell’estate passata, sia per tutti coloro che desideravano passare un momento insieme.  In molti hanno accolto l’invito, tutti felici di ritrovare le persone con le quali hanno trascorso dei momenti di riposo, condivisione e allegria.

Dopo i saluti del parroco don Roberto Brandi, il vice presidente dell’associazione Manuele Pieraccioni ha spiegato come si sarebbe svolta la “serata insieme”: dopo un momento di preghiera ci saremo divisi in gruppi per cercare di dare risposta ad alcune domande che l’associazione si è posta, per capire ed avere più chiari gli obbiettivi e le finalità di AC nella nostra diocesi.

Le domande erano: 1) Esiste l’AC nella tua parrocchia? 2) Se esiste cosa chiedo all’AC per il mio cammino personale e comunitario? 3)Se non esiste: mi piacerebbe avere l’AC in parrocchia e perché? 4) Come posso io impegnarmi per il cammino in AC parrocchiale?

Molti dei presenti, iscritti ad AC da molto tempo, hanno espresso gratitudine per il percorso personale e formativo che hanno potuto intraprendere all’interno dell’associazione. Altri hanno testimoniato la capacità di AC di accogliere persone con fragilità, che viene percepita come una priorità identificativa dell’Associazione facendone un importante punto di riferimento, dove con semplicità e spontaneità si possono instaurare legami di amicizia e condivisione fraterna.

 

Sabato 16 Ottobre si è svolto in Casentino l’incontro diocesano per adulti e famiglie, organizzato dall'AC di Fiesole dal titolo “Persone in Ascolto”.

Giornata autunnale splendida, baciata dal sole in un ambiente suggestivo quale l’Eremo di Quorle (Poppi) e la Pieve di Romena, con un tema attuale, al centro anche del Sinodo appena iniziato: l’ASCOLTO.

Guidati da Wolfgang Fasser, custode dell’Eremo, abbiamo percorso un sentiero nel bosco con sei tappe di riflessione, sostando in punti chiamati Eremi, alla riscoperta del silenzio che genera ascolto libero senza condizionamenti. La natura e tutto ciò che ci circonda è parte integrante della creazione, è santità: accogliere la vita, vivere nella natura, rendere sacro ogni momento, significa ascoltare il Divino. Gli uomini sono creature e, come avviene in natura, sono sottoposti a ritmi e cicli collegati fra loro, utili e indispensabili allo sviluppo e alla crescita, così con questo spirito abbiamo iniziato il cammino.

Prossimi appuntamenti

Adulti_2021-11-07-13.jpeg
2013_Giovanissimi.jpg