Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

Al mio primo anno in equipe ACR ho avuto la fortuna di andare da capogruppo al Cimone dopo aver già vissuto questa esperienza più volte anni fa, quando ancora rientravo nell’età dei partecipanti al campo.Come prima esperienza da animatore nell’AC è stata sicuramente molto positiva, infatti è stato stupendo vedere i ragazzi divertirsi e stare insieme dopo lo stop di un anno dovuto alla situazione sanitaria. Il nostro compagno di viaggio in questa settimana è stato Giona, tramite la cui storia abbiamo riflettuto ogni giorno su un atteggiamento diverso. Il tema del campo è stato molto accattivante per i ragazzi, infatti nei momenti di confronto in gruppo sul tema del giorno ci sono stati molti interventi e un’importante condivisione di molti episodi della loro vita.
Ovviamente ancora il numero di persone non è quello a cui siamo abituati per un campo del genere, ma è stato importantissimo ricominciare a vivere certe esperienze, in primis per i ragazzi, ma anche per noi capogruppo e sicuramente per tutta l’AC.Giulio Torricelli educatore équipe ACRIl campo ACR, un'esperienza unica e indimenticabile. Il campo ti fa vivere delle emozioni che ti segnano nel profondo, nel profondo del cuore, in quella parte che nessuno potrà mai cancellare. Durante la settimana al campo non si impara solo a stare con gli altri, a comunicare, a divertirsi, a stare agli scherzi, ad imparare dai propri sbagli e a collaborare, ma anche a stare in relazione con Dio e a parlare con lui. I momenti di preghiera sono sempre presenti in una giornata al Cimone, ognuno così può esprimere le proprie senzazioni, emozioni, sentimenti, sbagli ed errori.Un altro momento speciale si svolge la sera della Veglia. È un'occasione importante per l'intero campo. Quello è il momemto perfetto per stare il più vicino a Dio e poter esprimere le proprie preghiere di gioia e gratitudine.Il campo ACR è un'avventura indelebile anche per le persone che conosci, che ti ricorderai per sempre. Se vuoi, puoi fare amicizia e creare rapporti stupendi non solo con i tuoi compagni di squadra e coetani ma anche con gli educatori, persone che ti insegnano a rispettare gli altri, a divertirti e ad essere felice sempre! È una settimana stupenda e anche se finisce ce la ricorderemo per sempre, le amicizie trovate andranno avanti e le cose imparate cercheremo di metterle in pratica nei momenti di bisogno! Provate questa esperienza, è un'avventura diversa ogni anno.Questo è stato il mio primo anno ma sicuramente sò che l'anno prossimo non sarà sicuramente uguale a quest'anno, non proverò mai le stesse emozioni.

Sara Stefanelli


#restiamoACasa Questo l’hashtag che l’Azione Cattolica a livello nazionale ha utilizzato come slogan in questo periodo così delicato.
L’ACR Fiesolana a livello parrocchiale e diocesano ha subito seguito le norme ministeriali applicate dal governo e del paese interrompendo, ancor prima del lockdown, gli incontri dei gruppi parrocchiali in concomitanza con la scelta nazionale della chiusura delle scuole. È dalla prima settimana di marzo che i nostri educatori non hanno modo di vivere l’appuntamento settimanale con i propri bambini e ragazzi.
È stato un mese e mezzo di interrogativi, di pensieri e parole su come star vicini a loro e alle loro famiglie, su come fargli sentire la nostra presenza.
Ragazzi e bambini sono i meno colpiti dal coronavirus ma travolti dalla quarantena: niente scuole, attività ludiche e sport. Si annoieranno? Come affrontare, noi e loro, le giornate domestiche? Come poter continuare con loro un cammino di fede a distanza? Quali gli strumenti migliori?

Prossimi appuntamenti