Questo sito fa uso dei cookie soltato per facilitare la tua navigazione.

Con tanto entusiasmo ci siamo ritrovati, dal 12 al 14 novembre, per vivere insieme un fine settimana diverso e inusuale. Sono oramai passati due lunghi e faticosi anni dall’ultima tre giorni GVSS dell’Azione Cattolica: la pandemia ha infatti congelato anche il nostro gruppo, finché finalmente ci ha concesso il campo scuola a Claviere di quest’estate. Era inevitabile quindi che alle tante vecchie “glorie” del passato si aggiungessero volti freschi e pronti alla nuova esperienza della tre giorni. La presenza motivata di 30 ragazze e ragazzi ha creato un clima davvero piacevole per tutto il gruppo, da noi adolescenti fino all’onnipresente Don Andrea, il nostro “Garga”. La tre giorni è stata la prova di quanto i legami creati durante l’estate siano forti e veri. Non c’è stata occasione in cui non venissero alla mente frammenti e memorie del campo, ai quali abbiamo aggiunto insieme piccoli pezzi, ricordi e nuove emozioni, che formano quel grande mosaico che è il cammino giovanissimi. Tante e, ci tengo a ripetere, tante sono state le occasioni per ridere serenamente, a cui abbiamo saputo alternare momenti per immergerci in importanti riflessioni.

“Stessa storia, stesso posto, stesso bar”, forse meglio dire “stesso rifugio”.

Sono rientrati infatti anche i Giovani di AC, che si sono dati il cambio con i Giovanissimi della settimana precedente al rifugio “La Capanna” di Claviere.

Con le mille difficoltà che ancora questo periodo ci impone, anche questo era un campo su cui avevamo puntato e scommesso: la voglia di incontrarsi, conoscere persone nuove o riabbracciare chi la pandemia ci aveva costretti a vedere soltanto dietro uno schermo è stata tangibile, nella fantastica cornice dei paesaggi alpini piemontesi. ù

Sottocategorie

Prossimi appuntamenti